EuroZoid
Discover The Most Popular Places In Europe

Forte Sofia, Verona | Tourist Information


    Via Monte Novegno
    Verona, Italy 37126

    3409063106

    PREMESSA. L'attuazione del Federalismo demaniale prevede che il Demanio possa trasferire la proprietà di beni di interesse storico, sociale e culturale ai singoli Comuni e che questi li possano dare in concessione ad associazioni che se ne occupino. PROGETTO. Pochi sanno che Verona è stata dichiarata patrimonio Unesco anche per la sua bellissima cinta di mura magistrali (lunga quasi 11 km) che testimonia, arricchita dalla presenza di un patrimonio di Forti unico nel suo genere, quasi 2000 anni di storia dell'arte delle fortificazioni. Tra i molti beni invisibili che appartengono al patrimonio artistico e all'identità storico-culturale di Verona e d'Italia e che giacciono abbandonati in stato di degrado e per questo sono tristemente sconosciuti, non solo ai turisti ma anche a molti cittadini veronesi, Forte Sofia (forte austriaco del 1838 situato a pochi passi da B. Trento in Via Monte Novegno, salita dalla "lasagna" in direzione Cerris) è stato affidato all'Associazione di Promozione Sociale Forte Sofia. Ovvero a 5 giovani veronesi che, innamorati di Verona, hanno deciso di "adottare il Forte" e contribuire a restituirlo alla città. L'APS Forte Sofia intende realizzare un progetto di recupero e valorizzazione sostenibile, replicabile ad altri Forti o Beni Monumentali ed esportabile in altre città, che prevede di: inserire il Forte in una rete di Associazioni che insieme facciano capo alla città storica, all’Adige, alle Mura e agli altri Forti, costituirsi come punto di incontro e centro di interesse vivibile ogni giorno, attrarre i turisti, ridurre al minimo l'impatto ambientale della struttura (durante e al termine dei lavori). Le potenzialità del progetto hanno avuto recente riscontro nell'ottimo risultato conseguito a livello nazionale con la partecipazione, in partnership con Legambiente, il Comune di Verona, associazioni e cooperative veronesi, al prestigioso bando ARS della Fondazione Accenture. Il progetto "Il Parco Delle Mura Di Verona: un parco come rete dell'economia sostenibile" ha conseguito il quarto posto su oltre mille proposte presentate, guadagnando una menzione speciale da parte del Ministero dei Beni Culturali. La bellezza di questo angolo delle Torricelle e la curiosità generata dal passaparola sulla possibile riapertura del Forte sono bastati a creare, in questi giorni, un continuo via vai di cittadini, di giovani propositivi, di sportivi e di turisti curiosi...ma anche interessati a capire come dare concretamente una mano! Il nostro desiderio è che questo progetto di riqualificazione sia fin da subito coinvolgente e partecipato, fuori da qualsiasi personalismo, che non si limiti ad essere il sogno di noi 5 ragazzi ma vi si riconosca l'intera città e chi la rappresenta. Un progetto che offra, a chiunque ne abbia voglia, l'opportunità di partecipare nella forma e nella misura possibile a ciascuno: _ offrendo competenze e professionalità, _ mettendo a disposizione entusiasmo e forza lavoro, _ prestando strumenti, _ condividendo idee e proposte, _ facendo una piccola o grande donazione per la riuscita di questo progetto. SE VUOI ADOTTARE FORTE SOFIA E FARE LA TUA DONAZIONE: conto corrente bancario intestato a APS Forte Sofia presso Banca Cassa di Risparmio del Veneto, Filiale di Vicolo Ghiaia 9 (Verona) IBAN IT43E0622511707100000013691 Causale per tesseramento: pagamento quota associativa valida fino al 31/12/15 a favore dell'APS Forte Sofia da parte di Nome e Cognome Causale per donazione: donazione liberale a favore dell'APS Forte Sofia per il progetto di recupero dell'omonimo Forte Sofia in Verona da parte di Nome e Cognome Grazie

    Landmark and Historical Place Near Forte Sofia

    Verona Cathedral
    Distance: 0.5 mi Tourist Information
    Piazza Duomo, 21
    Verona, Italy 37121

    Verona Cathedral is a Roman Catholic cathedral in Verona, northern Italy, dedicated to the Blessed Virgin Mary under the designation Santa Maria Matricolare. It is the episcopal seat of the Diocese of Verona.It was erected after two Palaeo-Christian churches on the same site had been destroyed by an earthquake in 1117. Built in Romanesque style, the cathedral was consecrated on September 13, 1187. The structure was later modified by several renovation interventions, although the plan has remained unchanged.ExteriorThe façade is divided into three parts, with a pediment and a two storied projecting porch or protiro embellished with sculpture, which is the work of the twelfth-century sculptor Nicholaus, who also executed and signed the entranceway at the abbey church of San Zeno, also in Verona, and Ferrara Cathedral. The portico is supported on the backs of two griffins, similar to those from the dismantled Porta dei Mesi at Ferrara. The lunette depicts the Virgin holding the Christ child in high relief, centered between two low relief scenes, the Annunciation to the Shepherds (left) and the Adoration of the Magi (right). On the lintel in medallions are the three theological virtues, Faith, Charity and Hope. Ten figures of prophets are set in the doorposts and jambs; the four symbols of the Evangelists and the Hand of God are set above in the barrel vault of the first story of the porch. Set into the walls on either side of the portal are figures of Roland and Oliver, who as holy warriors, remind one of the constant need to provide protection to the church.

    Ponte Pietra
    Distance: 0.6 mi Tourist Information
    Ponte Pietra, Verona
    Verona, Italy 37121

    The Ponte Pietra, once known as the Pons Marmoreus, is a Roman arch bridge crossing the Adige River in Verona, Italy. The bridge was completed in 100 BC, and the Via Postumia from Genoa to Aquileia passed over it. It is the oldest bridge in Verona.It originally flanked another Roman bridge, the Pons Postumius; both structures provided the city with access to the Roman theatre on the east bank. The arch nearest to the right bank of the Adige was rebuilt in 1298 by Alberto I della Scala. Four arches of the bridge were blown up by retreating German troops in World War II, but rebuilt in 1957 with original materials.